More
    Informazioni praticheCosa comprare in Thailandia: shopping e souvenir tipici

    Cosa comprare in Thailandia: shopping e souvenir tipici

    Prima di tornare a casa dalla Thailandia, non potrete fare a meno di acquistare qualche oggetto-ricordo da indossare o da esporre in bella vista a casa!

    Al di là delle classiche foto, i souvenir sono un ottimo modo per portare qualcosa con sé dell’esperienza vissuta in vacanza.

    La Thailandia vi offre una vasta scelta di articoli di ogni genere, che potete per esempio acquistare presso le tradizionali bancarelle per la strada.

    Qui troverete manufatti artigianali, spezie, vestiti e molto altro.

    Nei mercati si possono fare ottimi affari contrattando sul prezzo, ma è bene fare attenzione perché troverete anche prodotti contraffatti di noti brand internazionali come Rolex, e svariate imitazioni di capi d’abbigliamento dei grandi marchi.

    L’alternativa alle bancarelle sono i negozi e i centri commerciali, notevolmente più costosi ma capaci di garantire l’autenticità e la qualità della merce in vendita.

    Scopriamo quindi tutto quello che potrete comprare durante il vostro viaggio in Thailandia.

    Abbigliamento, stoffe, seta e cachemire

    Souvenir tipici della Thailandia

    Una delle categorie di maggior interesse per lo shopping è senza dubbio quella dell’abbigliamento e delle stoffe in generale.

    Infatti, la Thailandia è uno dei più grandi produttori di seta e nel paese potrete trovare diversi capi realizzati con questo pregiato materiale che ha iniziato a diffondersi a livello mondiale solo negli anni Trenta.

    Foulard, camicie e vestiti di seta sono disponibili in colori e dimensioni diverse, e costano tra i 5 e i 10 euro (170-340 baht) acquistandoli presso le bancarelle per strada.

    Di qualità superiore sono gli articoli che troverete presso l’azienda Jim Thompson a Silom Road, nota in tutto il Paese per le sue creazioni.

    Qui i prezzi sono più alti, e non si può contrattare.

    Bellissimi sono, in particolare, i cuscini di seta che hanno un prezzo compreso tra i 30 e i 50 euro (1.000-1.800 baht), a seconda della grandezza. Ci sono poi borse, sciarpe e molti altri articoli.

    A proposito di Jim Thompson: un’attrazione interessante a Bangkok è la casa museo di questo imprenditore della seta!

    Oltre Bangkok, anche Chiang Mai è un rinomato centro tessile per le creazioni in seta. È un punto di riferimento per il nord della Thailandia e qui potete dedicarvi all’acquisto di pantaloni, gonne, foulard e camicie.

    Altro tessuto molto economico e a buon prezzo è il cotone, la cui qualità è ottima.

    Anche in questo caso potete recarvi alle bancarelle o nei negozi ma, al contrario della seta, la differenza di prezzo tra i punti vendita delle diverse tipologie è minima.

    Un capo che va per la maggiore sono i cosiddetti Thai elephant pants, simpatici come idea regalo.

    Sono dei pantaloni di cotone sottile con elefanti stampati.

    Larghi e con l’elastico in vita, sono molto comodi e possono essere utilizzati come copricostume o per dormire.

    Molto apprezzato è inoltre il cashmere thailandese, che viene lavorato per creare soprattutto le famose sciarpe pashmina.

    Se ne trovano di ogni tonalità e grandezza e con 5-6 euro, circa 180-200 baht, ne potete prendere un bell’esemplare. È la scelta perfetta per un pensierino da portare a parenti o amici!

    Bangkok è inoltre conosciuta in Thailandia per la sartoria artigianale. Infatti, in giro per la città noterete la presenza di tantissime botteghe e negozi che propongono camicie, giacche e completi su misura, confezionati con tessuti di eccellente qualità.

    Il prezzo è abbastanza conveniente rispetto allo standard italiano e con 10.000-12.000 baht, circa 200-300 euro, vi porterete a casa un completo giacca, pantalone, camicia di eccellente fattura.

    I sarti locali sono anche molto celeri, e in 5-6 giorni riescono a completare il lavoro.

    Nel caso foste interessati, prestate attenzione alle sartorie a cui pensate di rivolgervi, poiché alcune vi propongono prezzi stracciati, ma la qualità in questo caso è spesso insoddisfacente.

    Le più rinomate botteghe sartoriali, come Empire Tailors e Rajawongse Clothier, si trovano lungo Sukhumvit Road.

    Gioielli e pietre preziose

    Souvenir della Thailandia

    Se siete alla ricerca di un regalo speciale o di un souvenir diverso dal solito, considerate che la Thailandia propone anche gioielli realizzati in metalli preziosi.

    Il Paese asiatico vanta una lunga tradizione nella lavorazione di varie materie prime.

    Oro

    L’acquisto di prodotti in oro è strettamente legato ai rapporti con la Cina. Non a caso, gran parte di questo commercio è nelle mani di famiglie cino-thailandesi.

    A Bangkok e in tutta la Thailandia ci sono migliaia di oreficerie, facilmente riconoscibili: sono rosse, con le insegne gialle e le vetrine cariche di monili!

    Prima di scegliere un gioiello, però, è importante sapere che andrete a comprare quasi sempre prodotti in oro con caratura diversa da quella in uso in Italia (non acquisterete, cioè, oro a 18 carati).

    Il metallo risulterà più fragile e dovrete maneggiare i gioielli thailandesi con maggiore cura.

    Argento

    Non mancano poi collane, bracciali e orecchini in argento. Quello thailandese si compone di una lega con una percentuale inferiore di questo metallo, rispetto al nostro argento 925.

    È utile sapere che non ci sono marchi di riconoscimento o certificazioni, perché il governo locale non rende obbligatoria la punzonatura.

    Per evitare falsi e contraffazioni potete usare il vecchio trucco della calamita. 😊

    Infatti, l’argento non è un materiale ferroso o magnetico. Prima dell’acquisto di un gioiello avvicinate la calamita: se il manufatto non viene attratto potete stare tranquilli!

    I souvenir d’argento hanno prezzi molto bassi e per fare buoni affari potete recarvi nella Khao San Road e presso il Chatuchak Weekend Market.

    Pietre preziose

    La Thailandia è poi il luogo ideale per acquistare pietre preziose ad un prezzo molto conveniente in confronto ad altri Paesi.

    La località più indicata per la compravendita è la città di Chantaburi, che fornisce quasi il 70% della produzione mondiale di zaffiri e rubini.

    Qui le gemme vengono tagliate e lucidate per creare oggetti fantastici!

    Anche a Bangkok ci sono diversi negozi specializzati nella lavorazione di questo tipo di pietre.

    Per non incappare in truffe è consigliabile rivolgersi ai centri autorizzati in grado di rilasciare un certificato di garanzia.

    Per andare sul sicuro, indirizzatevi verso le botteghe che espongono i marchi JFC (Jeweler Fest Club) e JTC (Jewelry Trade Center).

    Spezie, cibo e alcolici

    Cosa comprare in Thailandia

    La cucina thailandese è un mix incredibile di sapori incredibili. Se amate particolarmente questa gastronomia, fate un salto in uno qualsiasi dei mercati a Bangkok e nel resto del Paese.

    In questo modo potrete replicare qualche piatto thailandese una volta ritornati in Italia.

    L’assortimento di spezie ed erbe da acquistare è pressoché infinito. Le più ambite sono coriandolo, curry, curcuma, cardamomo, tamarindo, zenzero, citronella, cannella e basilico thailandese.

    Al mercato potete acquistare del tè in foglie di eccellente qualità, così come il riso Jasmine e la frutta disidratata.

    Questi alimenti sono spesso venduti in pratici sacchetti ben sigillati che non avrete difficoltà a mettere in valigia.

    Occupano pochissimo spazio e costano solo qualche baht al grammo. Approfittatene!

    La Thailandia ha una discreta proposta anche nel settore degli alcolici di produzione locale.

    Uno dei prodotti più diffusi è il whisky thailandese ma non fatevi ingannare dal nome, si tratta in realtà di rum!

    Le etichette più famose sono il Sangsom, il Mekhong e il Magic Alambic Rum, tipico dell’isola di Koh Samui.

    Questi whisky/rum hanno un’elevata gradazione alcolica ma il prezzo è comunque basso. Una bottiglia di 35 cl vi costerà intorno ai 50 baht, circa 1,50 euro.

    Se cercate il vero whisky potete acquistare il Lao Khao, distillato ottenuto dal riso da cui si ricava un liquore bianco. Spesso viene aromatizzato con spezie ed erbe varie.

    Interessante è poi il Siam Sato, un vino thailandese prodotto dal riso che ricorda vagamente il sakè giapponese. Andateci piano perché è molto forte!

    Con 25 baht, ovvero meno di 1 euro, ne potete comprare una bottiglia da 65 cl.

    Gli amanti della birra possono optare per le marche thailandesi come Chang e Singha, le più vendute nel Paese. Sono più alcoliche di quelle occidentali e costano meno.

    Prodotti di bellezza

    Saponette artigianali
    Fiori di sapone artigianali

    La Thailandia è il paradiso per i trattamenti di bellezza e i massaggi.

    Non potete tornare a casa senza portare con voi almeno una crema idratante!

    Questo genere di articoli è facile da trasportare nel bagaglio e non occupa molto spazio.

    Potete trovare balsami, creme solari, scrub, shampoo, oli essenziali, cosmetici, profumi naturali, lozioni per capelli e per massaggi, maschere rivitalizzanti e tanto altro ancora.

    Sono preparati con ingredienti naturali quali erbe officinali e oli come aloe vera, cocco, guaranà e gelsomino. Per la cura della persona ci sono dei particolari fiori di sapone artigianale davvero molto profumati.

    Queste saponette sono intagliate riproducendo la forma di un fiore e vengono poi inserite in scatolette di legno decorate. Sono un’ottima idea per un souvenir esclusivo!

    In generale, i prodotti di cosmesi in Thailandia hanno prezzi molto più economici dei nostri e lo standard qualitativo è più che soddisfacente. Si parte da un minimo di 25-40 baht per creme e lozioni.

    Ceramiche

    Cosa comprare in Thailandia

    Tra i diversi prodotti dell’artigianato thailandese ci sono le bellissime ceramiche, dei veri capolavori realizzati a mano.

    L’assortimento di oggetti in ceramica comprende vasi, portacenere, portagioie e statuine di Buddha. Le più pregiate sono le ceramiche della varietà Celadon che si possono acquistare nella città di Chiang Mai.

    Si tratta di una particolare tipologia di ceramica di origine cinese, ottenuta dall’argilla polverizzata e impastata con l’acqua per diverse ore seguendo un antico procedimento.

    La successiva fase di forgiatura darà la forma specifica ad ogni singolo oggetto, smaltato esternamente con il tradizionale colore verde giada.

    Le prime testimonianze sulle ceramiche Celadon risalgono al XIV secolo e nei secoli la produzione si è drasticamente ridotta a favore di altre ceramiche d’importazione estera.

    Se vi capita di passare per Chiang Mai, il consiglio è di fare una sosta alla fabbrica delle ceramiche Celadon.

    Qui potrete ammirare i più bei manufatti artigianali e osservare da vicino il processo di lavorazione.

    È un’esperienza entusiasmante che vi farà apprezzare ancor di più questo tipo di artigianato.

    A proposito del prezzo, le ceramiche Celadon hanno un costo non proprio economico poiché di solito si parte da un minimo di 1.500 baht, equivalente a 45 euro.

    Bambole e Marionette dipinte a mano

    Un oggetto che può far felici i bambini è senza dubbio una bambola o la classica marionetta del teatro dei burattini.

    Questi articoli si possono trovare facilmente in Thailandia, paese che vanta una antica tradizione nel settore.

    Ci sono differenti generi di bambole, dalle ballerine classiche a quelle raffiguranti personaggi della mitologia locale.

    Altrettanto suggestive sono le marionette, che spesso vengono realizzate in porcellana, legno e ceramica.

    In molti casi rappresentano principi e principesse vestiti con i tradizionali abiti thailandesi.

    Queste marionette hanno poi dei fili per muovere braccia, gambe e testa e tramite il gancio superiore le potrete tranquillamente appendere alle pareti di casa!

    Ombrelli di Chiang Mai

    Cosa comprare in Thailandia

    Resistenti e variopinti, gli ombrelli di Chiang Mai sono uno degli oggetti preferiti dai turisti di tutto il mondo.

    Ce ne sono di dimensioni e colori differenti e sono una fantastica idea-regalo dal sapore orientale!

    Il centro di riferimento per la creazione di questi ombrelli è il piccolo villaggio di Bo Sang, nei pressi di Chiang Mai.

    Qui nel mese di gennaio di ogni anno si svolge il Bo Sang Umbrella Festival, una divertente fiera degli ombrelli.

    Seconda la leggenda, è stato un monaco di ritorno dalla Birmania a introdurre questo genere di lavorazione che, da due secoli, va avanti senza sosta nel nord della Thailandia.

    Questi ombrelli sono costruiti ancora a mano, secondo un’antica tecnica tramandata di famiglia in famiglia. Sono formati da una struttura in bambù incisa con l’uso di un semplice coltellino.

    Ciò che varia in ogni esemplare è soprattutto la copertura che può essere realizzata in seta, poliestere, tela di cotone o carta.

    Nella maggior parte dei casi viene impiegata la cosiddetta ‘sa paper’, cioè la carta di albero di gelso, ottenuta macerando la corteccia e facendola asciugare al sole.

    I fogli di questa carta speciale sono poi impermeabilizzati con vari strati di lacca. Una volta asciugati, vengono dipinti con simboli, fiori, uccelli ed elefanti.

    Oggi gli ombrelli di Chiang Mai sono utilizzati come ornamento nelle case e nelle cerimonie religiose. All’interno dell’Umbrella Making Center di Bo Sang potrete ammirare gli artigiani impegnati nel processo di creazione dei manufatti!

    Si possono acquistare gli ombrelli a prezzi molto bassi e fare richieste per personalizzare le decorazioni dell’oggetto da voi scelto.

    Fiori finti e orchidee vere!

    Tra i vari souvenir che potete comprare in terra thailandese ci sono anche i fiori artificiali. Di qualsiasi varietà e colore, si possono incontrare sulle bancarelle dei principali mercati di qualsiasi città della Thailandia.

    Uno dei posti più indicati per trovare i fiori finti è il Chatuchak Weekend Market di Bangkok che vi propone una gamma infinita di questi articoli.

    Se invece preferite le piante vere, potete acquistare una bella orchidea! Non a caso è uno dei fiori maggiormente coltivati nel Paese, grande esportatore a livello mondiale.

    Le orchidee si possono trovare in diversi mercati locali, ma il punto di riferimento principale è il mercato dei fiori Pak Klong Talaad di Bangkok, aperto 24 ore al giorno tutto l’anno.

    I clienti possono scegliere tra le orchidee più comuni e quelle più rare e particolari, e il prezzo parte da una base di 150 baht, circa 5 euro. Alcune poi sono vendute in piccole bottiglie di vetro molto eleganti.

    Arazzi Kalaga

    Chi ama l’arredamento e l’artigianato può orientarsi verso un articolo molto interessante come gli arazzi Kalaga.

    Il nome letteralmente significa ‘tenda straniera’ e vengono realizzati in velluto nero rifinito con filamenti di metallo, pietre e lustrini.

    Questi teli possono arrivare fino ai 5 metri di lunghezza e vengono anche usati per comporre cuscini, borse e quadri.

    In rilievo sono cucite delle figure che rappresentano miti del Ramayana, le vite del Buddha e personaggi di antiche leggende.

    Gli arazzi Kalaga provengono dalle tribù birmane e del nord della Thailandia. In alcuni casi ci vogliono fino a 6 mesi per completare un esemplare.

    Altri oggetti artigianali

    Souvenir dalla Thailandia

    Dal punto di vista dell’artigianato, la Thailandia ha davvero tanto da offrire per la sua immensa ricchezza culturale.

    Uno dei materiali più diffusi è il legno, specialmente il tek, con il quale vengono costruiti a mano complementi d’arredo, statuine, ciotole, portacenere e molto altro.

    Particolarmente belli sono gli oggetti di bambù come cestini intrecciati, centrotavola e lampade.

    Molto affascinanti sono poi le ceramiche Bencharong, che in passato venivano prodotte solo per i re thailandesi.

    Sono degli oggetti in ceramica smaltata con disegni simmetrici; potete, per esempio, acquistare vasi, contenitori, portagioie e tazze.

    Carini sono anche i ventagli dipinti a mano e realizzati in carta, rayon, bambù o cotone. I più colorati e variopinti si possono trovare a Chiang Mai e in tantissime località del nord della Thailandia.

    Per finire, non potete tornare a casa senza un amuleto!

    Questi articoli appartengono alla cultura locale e li indossano praticamente tutti. Sarebbero dotati di veri poteri magici in grado di garantire buona sorte.

    L’amuleto per antonomasia è quello con sopra il volto del Buddha, chiamato Phra Kreuang, che a volte viene regalato in omaggio nei templi buddhisti.

    Se siete interessati a questo genere di souvenir andate all’Amulet Market in Maharat Road, vicino al Wat Mahathat. Ci sono decine di bancarelle con amuleti di ogni materiale e misura.

    I prezzi partono da 10-20 baht ad amuleto.

    Cosa non conviene comprare

    Souvenir Thailandia

    Prima di portare a casa un determinato oggetto dalla Thailandia, dovrete considerare le leggi locali per evitare che l’articolo vi sia confiscato dalle autorità aeroportuali.

    Per esempio, i turisti spesso non sanno che è illegale esportare al di fuori della Thailandia le statuine del Buddha.

    È una normativa molto severa che viene applicata a statue e souvenir di qualsiasi dimensione.

    Nel caso dei manufatti più piccoli, è vero che si possono anche riporre nella valigia da stiva, ma se vi dovessero controllare il bagaglio le statuine saranno sicuramente sequestrate e vi sarà applicata una multa salata.

    Dunque, vi sconsigliamo di acquistarne una ma se proprio ci tenete, potete ovviare al problema facendovi rilasciare un permesso speciale dal tempio nel quale avete comprato la statuina del Buddha.

    Insomma, il rischio di vedersi ritirare questi souvenir è molto alto, perciò occhio!

    Inoltre, è vietata l’esportazione di pelli di animali protetti e oggetti in avorio.

    Altra tipologia a cui stare attenti sono gli articoli del settore elettronico come tablet, videogiochi, smartphone e simili.

    Infatti, i telefoni potrebbero essere dotati di software particolari che funzionano soltanto in Thailandia o avere impostazioni specifiche esclusivamente per questo Paese.

    La compatibilità dei dispositivi è un aspetto fondamentale da verificare prima dell’acquisto, per essere sicuri di poter utilizzare il prodotto in Italia.

    Inoltre, assicuratevi che l’oggetto non sia una contraffazione in quanto è facile incappare in una fregatura.

    Per quanto riguarda i prodotti assolutamente illegali, non pensate nemmeno di portare con voi materiale vietato ai minori di qualsiasi genere.

    Anche il discorso sui farmaci è complicato perché in Thailandia ci sono quelli generici a basso prezzo mentre più costosi sono quelli specifici, tipo l’insulina, che sono importati dall’estero.

    Vanno forte soprattutto le copie del Cialis e del Viagra che tecnicamente sarebbero vietate ma sono comunque ambite tra i turisti occidentali.

    Un acquisto economicamente vantaggioso per i fumatori sono le sigarette.

    I prezzi locali sono molto più bassi di quelli occidentali, ma potete portarne soltanto un quantitativo limitato o rischiate di passare per contrabbandieri e vi prendete una bella multa!

    Per finire, il discorso della contraffazione non vale solo per l’elettronica ma per qualsiasi tipo di souvenir, a cominciare da tante pietre preziose e gioielli che vengono spacciati per autentici.

    Analizzate con precisione ogni articolo e per sicurezza fatevi rilasciare sempre un certificato di autenticità.

    Un metallo non particolarmente conveniente da comprare è l’oro in quanto, come abbiamo detto, vi verranno venduti prodotti con una caratura diversa da quella in uso in Italia, a prezzi che non sono poi così più vantaggiosi rispetto ai soliti.

    È opportuno contrattare sul prezzo?

    Una delle tradizioni della Thailandia è l’arte della contrattazione.

    La popolazione locale è abituata a questa pratica, nella quale i thailandesi sono dei veri maestri!

    Non fatevi spaventare: non è tanto diversa dalla contrattazione nei nostri mercati rionali.

    Quando volete acquistare qualcosa, quindi, non accontentatevi mai del primo prezzo ma avanzate delle controproposte al ribasso. Lo scopo finale è di trovare una cifra equa per voi e il venditore.

    Quindi, non siate timorosi e cercate di tenergli testa. Non ribassate mai il prezzo in maniera eccessiva per non offendere il vostro interlocutore ma non fatevi andare bene quello maggiorato.

    Provate ad arrivare a un accordo con 2-3 tentativi ma ricordate che pochi baht di differenza a voi cambiano poco ma per la gente del posto sono il guadagno della giornata.

    Siate sempre gentili e rispettosi, evitando di proporvi con modi aggressivi o arroganti.

    In ogni caso, la contrattazione è una pratica comune se vi trovare alle bancarelle, ma è da evitare nei negozi, nelle boutique e nei centri commerciali dove i prezzi sono standard e non c’è verso di spuntarla.

    Dove comprare

    Dove comprare in Thailandia

    Durante il vostro viaggio in Thailandia non potete fare a meno di dedicarvi allo shopping, sia presso le bancarelle per strada che nei negozi e nei centri commerciali.

    Naturalmente sarà il budget a vostra disposizione a indirizzarvi nel luogo giusto in cui fare compere.

    Nei mercati cittadini potrete trovare di tutto, dal cibo ai fiori, dall’abbigliamento alla cosmetica e all’elettronica. Questi market sono aperti tutto il giorno e in alcuni casi fino a tarda sera o soltanto nei week-end.

    I prezzi sono molto economici e con una buona contrattazione riuscirete sicuramente a fare dei piccoli affari!

    Tra i migliori mercati di Bangkok ci sono il Chatuchak Weekend Market, il Mercato di Pratunam, il Mercato Notturno di Patpong e il suggestivo Mercato Galleggiante di Damnoen Saduak.

    Per un approfondimento sui mercati galleggianti di Bangkok, fate click sul pulsante che trovate sotto.

    Il vero cuore dello shopping thailandese è, però, Chiang Mai, regno incontrastato dei souvenir artigianali.

    Qui potrete trovare moltissimi oggetti di produzione locale realizzati in seta, carta, rayon e molti altri tessuti della zona.

    È il posto giusto se amate questi articoli etnici fatti a mano secondo antiche tecniche.

    Se invece vi piace fare acquisti nei negozi tradizionali o più lussuosi, quasi ogni città offre centri commerciali nei quali comprare tutto ciò che desiderate.

    A Bangkok i mall più gettonati tra i turisti sono il Terminal 21, l’MBK, il Central World e il Siam Paragon. Ci sono shop e boutique dei principali brand occidentali, perfetti per voi che cercate qualcosa di più esclusivo.

    Per ulteriori informazioni sullo shopping a Bangkok leggete qui!

    Shopping a BangkokScoprite di più
    Quanto ti è stato utile questo articolo?
    [Totale: 4 Media: 4.8]

    Ti potrebbe interessare anche:

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here