Aeroporti della Thailandia

Aeroporti della Thailandia

Per raggiungere la Thailandia il mezzo di trasporto più rapido è l’aereo. 

Il Paese del Sud-est asiatico dispone di tanti scali diversi che coprono tutto il territorio nazionale da nord a sud, isole comprese.

Alcuni sono aeroporti internazionali mentre altri più piccoli sono adibiti soltanto ai voli interni alla Thailandia e permettono di spostarsi tra le diverse località senza difficoltà.

Quasi tutti sono dotati dei principali servizi e sono ben collegati con le altre destinazioni nelle immediate vicinanze.

Vediamo quindi quali sono gli aeroporti più o meno grandi della Thailandia e dove è più saggio atterrare considerando il vostro itinerario di viaggio.

I principali aeroporti della Thailandia 

La Thailandia ha circa 30 aeroporti e tra quelli più importanti ci sono senza dubbio i due scali della capitale Bangkok che assorbono gran parte del traffico aereo del Paese.

L’aeroporto internazionale Suvarnabhumi è il più grande ed è qui che atterra la maggior parte dei voli. 

Invece l’aeroporto Don Mueang è più piccolo e vi transitano soprattutto aerei da e verso località interne.

Altra destinazione ad alta affluenza turistica è Phuket, dotata di un proprio aeroporto che è il terzo scalo thailandese per volume di passeggeri. È uno dei più funzionali e meglio attrezzati.

Tra gli scali principali c’è poi quello di Chiang Mai, vicinissimo al centro della città e fornito di diversi mezzi di trasporto. Vi atterrano per lo più voli nazionali.

Abbastanza affollato è pure l’aeroporto di Krabi, una struttura moderna che accoglie voli interni e verso alcuni Paesi confinanti come Malesia e Laos.

L’aeroporto Suvarnabhumi di Bangkok

Aeroporto Suvarnabhumi, Bangkok Thailandia
L’aeroporto Suvarnabhumi di Bangkok in Thailandia, con la seconda torre di controllo più alta al mondo

Questo di Bangkok è l’aeroporto più imponente di tutta la Thailandia ed uno dei più trafficati dell’Asia, con i suoi 60 milioni di passeggeri all’anno.

Lo scalo dista circa 30 km dal centro della città e circa 120 km da Pattaya, famosa località balneare thailandese. 

Il Suvarnabhumi è stato costruito per sostituire il Don Mueang ed è in attività dal 2006. 

È dotato della più alta torre di controllo del mondo e possiede il secondo terminal più grande dopo quello di Hong Kong.

È l’hub più importante della Thai Airways, la compagnia di bandiera del Paese e vi atterrano oltre 60 compagnie aeree del mondo tra cui Aeroflot, Air France, British Airways, Etihad Airways, Fly Emirates, Lufthansa, Oman Air, Qatar Airways, Turkish Airlines, China Airlines, Cathay Pacific.

Presso l’aeroporto operano anche compagnie low-cost orientali come Bangkok Airways, Thai Smile, Air Asia, Nok Air e molte altre.

Le tratte più trafficate sono per lo più da e verso Seoul, Taipei, Dubai, Hong Kong e Singapore mentre la prima capitale europea per volume di turisti all’anno è Londra, seguita da Parigi e Francoforte.

Lo scalo è collegato con Bangkok in maniera ottimale. Infatti, potete utilizzare la ferrovia sopraelevata Airport Rail Link che vi porterà alla stazione Phaya Thai con 6 fermate intermedie.

Per raggiungere la capitale ci sono poi molti autobus che potete raggiungere prendendo delle navette verso il Transport Center dell’aeroporto. 

I bus sono attivi 24 ore su 24 e il biglietto vi costa 35 baht. Troverete alcune linee a lunga percorrenza che vi portano verso altre cittadine come Pattaya e Nong Khai.

Altro modo per lasciare lo scalo è il taxi e vi basterà scendere al pianto terra vicino alla zona arrivi. C’è un apposito banco, dove poter ritirare una prenotazione per la vostra vettura. 

I taxi sono dotati di tassametro e alla tariffa va aggiunto il supplemento di 50 baht per chi parte dall’aeroporto ed eventuali pedaggi per strade a pagamento. 

In tutto impiegherete circa un’ora e la corsa vi costerà sui 300 baht

Se preferite muovervi in autonomia c’è la possibilità di noleggiare un’auto. Troverete diverse società di autonoleggio molto affidabili come Hertz, Avis e Sixt.

I prezzi in media non sono sempre abbordabili e dipendono dal modello d’auto prescelto.

L’aeroporto Don Mueang di Bangkok

Aeroporto Don Mueang, Bangkok, Thailandia
L’aeroporto Don Mueang, Bangkok, Thailandia

Questo è il secondo scalo di Bangkok ed è stato riaperto solo nel 2012 per alleggerire il traffico passeggeri del nuovo Suvarnabhumi. Qui arrivano voli interni alla Thailandia e verso altri Paesi asiatici.

Ogni anno transitano qui circa 40 milioni di persone, e in questo scalo operano compagnie come Batik Air e Indonesia Air, così come alcune low-cost quali Air Asia, Lion Air, Malindo Air, NokScoot e Nok Air. 

Collega diverse cittadine della Thailandia e sono offre diversi voli per altri Stati come Laos, Cambogia, Malesia, Birmania e Singapore.

L’aeroporto dispone di 3 terminal e si trova 23 km a nord di Bangkok e dista 48 km dall’aeroporto Suvarnabhumi.

Per muoversi dallo scalo verso il centro cittadino ci sono diverse opzioni. 

Potete trovare la fermata degli autobus lungo Vibhavadi Rangsit Road.

Tutti gli autobus sono in funzione tra le 5 del mattino e mezzanotte.

Molto utili sono poi le navette gratuite che collegano il Don Mueang con il Suvarnabhumi. Le trovate al terminal 1 vicino al gate numero 6.

Ci sono anche dei bus navetta che partono dal gate 6 e dal gate 12 e vi portano al centro di Bangkok. Il biglietto si acquista direttamente sull’autobus al prezzo di 30 baht. 

Non mancano, naturalmente, i taxi.

Di solito un viaggio verso la zona di Siam Square di Bangkok vi costa intorno ai 250 baht, più il supplemento per chi esce dall’aeroporto ed i pedaggi autostradali. Per risparmiare qualcosa conviene spostarsi in Vibhavadi Rangsit Road.

Infine potete lasciare il Don Muaeng in treno andando verso la stazione ferroviaria che si trova tra Vibhavadi Rangsit Road e Choet Wutthakat Road

Da qui potete raggiungere sia Bangkok che le principali località della Thailandia nord-orientale. I biglietti sono molto economici e costano dai 5 ai 20 baht.

Phuket International Airport 

Aeroporto di Phuket, Thailandia
Mai Khao beach: da questa spiaggia è possibile vedere gli aerei atterrare nel vicino aeroporto di Phuket

Phuket è una delle mete thailandesi più apprezzate dai turisti ed il suo aeroporto è il terzo per importanza e traffico passeggeri

Sono circa 18 milioni i turisti che sbarcano qui ogni anno, con più di 600 voli nazionali e 700 voli internazionali ogni settimana.

Qui potrete volare con 40 compagnie aeree come Thai Airways, Cathay Pacific Airways, Fly Emirates, Silk Air, Bangkok Airways. Ci sono poi alternative low-cost a buon prezzo fornite da Thai Lion Air, Air Asia, Nok Air e Thai Smile.

Lo scalo si trova nella zona nord dell’isola, a poca distanza dalla spiaggia di Mai Khao e a 30 km dal centro storico. 

In tutto ci sono due terminal: il numero 1 è adibito ai voli internazionale mentre il 2 è destinato ai voli interni.

Per muovervi verso Phuket potete noleggiare un’automobile. Vicino all’area degli arrivi ci sono i banchi delle migliori aziende di autonoleggi come Avis e Hertz. 

I prezzi sono molto vantaggiosi rispetto ad altre zone del Paese e disporre di un’auto a noleggio è un buon modo per esplorare i dintorni senza vincoli o limiti.

I taxi si trovano presso uno stand apposito vicino all’uscita principale e li riconoscerete dal caratteristico colore rosso e giallo. Sono dotati di tassametro e dovrete pagare un supplemento di 100 baht per l’uscita dall’aeroporto.

Molto comodi sono poi gli autobus navetta che offrono due linee con corse regolari tra le 6 e le 21.30. Il biglietto costa tra i 150 e i 200 baht e vi portano a Phuket, Karon e Patong.

Il mezzo più economico sono però i minivan. Li trovate al primo piano nei dintorni della zona arrivi. I prezzi oscillano tra 100 e 180 baht per arrivare a Patong, Kata, Karon e Phuket.

Chiang Mai International Airport

Aeroporto di Chiang Mai, Thailandia
Aeroporto di Chiang Mai, Thailandia

Chiang Mai è una tappa irrinunciabile per chi desidera esplorare il nord della Thailandia. 

Il suo aeroporto è il più grande della regione e dista appena 3 km dal centro cittadino.

Ha un transito annuo di 10 milioni di passeggeri e dal 2011 è un importante hub per la Thai Air Asia. 

Qui atterrano voli nazionali verso le più note località thailandesi e voi internazionali da e verso i paesi del Sud-est asiatico.

Sullo scalo operano compagnie di bandiera come Thai Airways, Air China, Hongkong Airlines, British Airways, Qatar Airways e Korean Air. 

Altre compagnie sono Bangkok Airways, Thai Vietjet Air, Thai Lion Air, Thai AirAsia e Nok Air.

Con l’auto potete raggiunger Chiang Mai in 15 minuti. Vi basterà noleggiarne una agli stand della Hertz, dell’Avis o di alcune aziende di autonoleggio thailandesi. 

I modelli più nuovi ed accessoriati vi costeranno tra gli 800 ed i 2.000 baht. In alcuni casi è anche inclusa l’assicurazione.

Potete prendere un taxi proprio accanto all’uscita. Ricordatevi di far accendere il tassametro e con circa 40 baht arriverete nel centro storico di Chiang Mai.

Ci sono inoltre dei bus-navetta che hanno una tariffa fissa di 160 baht e possono portare 5 persone al massimo. È la scelta perfetta se viaggiate in gruppo o in famiglia.

Particolarmente convenienti sono i songthaew o i minivan. I biglietti costano 50-60 baht e sono abbastanza comodi e veloci. 

Esistono poi autobus tradizionali che potete prendere alla fermata nelle vicinanze del terminal. Ce ne sono diversi che vi portano in centro per 20 baht.

Krabi International Airport 

La provincia di Krabi è molto nota tra i turisti per le splendide spiagge e le isole che si trovano a poca distanza dalla costa. La regione è servita da un aeroporto internazionale piuttosto piccolo ma molto efficiente.

La struttura sorge a 15 km da Krabi Town ed è in una posizione strategica per raggiungere le migliori località balneari nelle vicinanze. 

Vi atterrano quasi 4 milioni di persone nel corso dell’anno e potete volare con compagnie internazionali quali Sichuan Airlines, Thai Airways, Air France, KLM, Singapore Airlines, Qatar Airways, Silk Air, Tiger Airways.

Lo scalo è inoltre servito da compagnie low-cost come Thai Lion Air, AirAsia, Nok Air, Thai Smile. Da qui avrete diverse modalità per muovervi verso Krabi Town e altri litorali della regione. 

Troverete l’Airport Shuttle Bus, un bus-navetta che vi condurrà al terminal degli autobus di Krabi a Talad Kao e proseguirà in direzione di Klong Jilad, Ao Nang Beach e Klong Muang.

 Non è molto veloce ed è una scelta ideale se viaggiate da soli e non avete molta fretta.

Fuori dall’aeroporto ci sono gli autobus, e i biglietti si possono comprare ai terminal 1 e 2. Sono di colori diversi a seconda della destinazione e per Krabi Town impiegherete circa 30 minuti.

Altrettanto comodi ed economici sono i minivan che però dovrete condividere con altri passeggeri. 

La soluzione più rapida sono sempre i taxi che a partire da 200 baht vi porteranno nelle più importanti località di mare.

Altri aeroporti thailandesi

Al di là dei 5 scali principali, la Thailandia offre una vasta scelta di aeroporti in altre città disseminate nel resto del Paese. 

Sono un’opzione importante per potersi spostare sul territorio nazionale con voli interni, senza perdere tempo prezioso

Uno degli aeroporti minori è quello di Chiang Rai, splendida cittadina del nord, quasi al confine con il Laos. 

Lo scalo internazionale Mae Fah Luang è a 10 km dal centro della città ed è collegato con le più note località thailandesi ed alcune destinazioni in Cina.

Nonostante le dimensioni ridotte è comunque servito da numerose compagnie low-cost come Air Asia, Thai Lion Air, Nok Air, Thai Smile, e Thai Vietjet Air.

Dall’aeroporto ci sono autobus che per pochi baht vi conducono ai due Terminal Bus di Chiang Rai. Troverete i taxi all’entrata principale, così come minivan a prezzi molto bassi.

Un altro aeroporto di discreta importanza è l’Hat Yai International Airport nella provincia meridionale di Songkhla. È a 20 km da Hat Yai e lo trovate lungo l’autostrada che corre in direzione di Phet Kasem.

Qui atterrano la Thai Airways e compagnie come Bangkok Airways, Nok Air, Scoot, Malindo Air, Air Asia e Thai Smile, che effettuano voli per la Thailandia e verso Cina e Malesia.

Si possono noleggiare facilmente delle auto oppure ci sono i taxi che con 300 baht circa vi porteranno ad Hat Yai. Il mezzo più economico è però il bus-navetta, che pagherete circa 40 baht.

Particolarmente bello e confortevole è anche il Samui International Airport a Koh Samui. Si trova non lontano dall’area del Big Buddha e vi atterrano China Airlines, Qatar Airways, Bangkok Airways, Thai Airways, British Airways e Hong Kong Airlines.

Costruito nel 2004, ha due terminal, uno per i voli nazionali e l’altro per i voli internazionali. Si caratterizza per una struttura molto moderna e qui troverete negozi e boutique molto interessanti

Per spostarsi non mancano i taxi, ma essendoci una sola compagnia i prezzi sono abbastanza alti. Infatti, per arrivare a Chaweng il costo è di quasi 500 baht e difficilmente troverete tassisti intenzionati ad utilizzare il tassametro.

L’alternativa è il noleggio dell’auto con compagnie quali Avis ed Hertz ma vi troverete a pagare dagli 800 baht in su. 

Per risparmiare conviene prendere un minivan pubblico che conduce verso le spiagge principali di Koh Samui per 130 baht

Scalo minore è anche l’Aeroporto di Buri Ram, capoluogo dell’omonima provincia situata nel nord-est della Thailandia. La zona è diventata famosa perché dal 2018 ospita il circuito motociclistico per le gare del Motomondiale. 

Sorge a 40 km a nord Buri Ram, vicino alle rovine di Phanom Rung Khmer. Potrete volare con Nok Air, Thai Air Asia, Thai Vietjet Air, Thai Airways, Bangkok Airways e Laos Airlines.

Al di fuori del terminal ci sono vetture da noleggiare ed autobus di linea che vi portano a Bangkok e in altre città thailandesi a prezzi vantaggiosi.

Tra gli altri aeroporti minori della Thailandia ci sono quelli di U-Tapao (Pattaya) , Khon Kaen, Nakhon Phanom, Lampang, Nakhon Si Thammarat, Trat, Udon Thani, Surat Thani, Ranong e Ubon Ratchathani.

In quale aeroporto atterrare?

Avrete solo l’imbarazzo della scelta nel decidere in quale aeroporto sbarcare. Ovviamente lo scalo deve essere selezionato tenendo in considerazione l’itinerario di viaggio.

È utile spiegare che dall’Italia si può raggiungere solo Bangkok in maniera diretta. Per il resto della Thailandia occorre prendere un aereo con diversi scali in Europa o in Asia.

Dunque, l’opzione più gettonata o comunque la più sensata per risparmiare tempo è l’aeroporto di Suvarnabhumi di Bangkok

Dal nostro Paese esistono voli diretti forniti dalla Thai Airways in partenza da Roma e Milano. Chi parte dalle altre città italiane sarà costretto ad affrontare uno o più scali per giungere a Bangkok.

La capitale è un buon punto di partenza per muoversi verso le più conosciute cittadine della Thailandia. Con le compagnie low-cost locali potrete ridurre costi e tempi per gli spostamenti.

Punto di arrivo interessante è anche l’aeroporto di Phuket, altra meta turistica per eccellenza, perfetta per spostarsi nelle province e negli arcipelaghi che si affacciano sul Mar delle Andamane. 

L’aeroporto di Chiang Mai invece può essere un ottimo riferimento per chi desidera conoscere il nord della Thailandia mentre atterrando a Koh Samui si possono visitare le più belle isole del Golfo della Thailandia.

Ad ogni modo, prima di prenotare il volo e definire nei dettagli un percorso di viaggio, è indispensabile verificare in anticipo dove si trova lo scalo più vicino alla zona di vostro interesse.

Inoltre, ricordate sempre di informarvi sui mezzi di trasporto che partono dall’aeroporto per raggiungere il centro della città più vicina senza difficoltà.

Quanto ti è stato utile questo articolo?
[Totale: 1 Media: 5]
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.