Noleggio auto in Thailandia

Noleggio auto in Thailandia

La Thailandia è una delle destinazioni più amate del Sud-est asiatico e il noleggio auto è un’ottima opportunità per potersi muovere liberamente e senza difficoltà.

Prima di noleggiare una vettura è utile però considerare alcuni aspetti, sia logistici che prettamente economici. Infatti, una scelta di questo genere è preferibile se avete una certa disponibilità di spesa oppure un budget senza limiti.

È l’opzione migliore se si viaggia in gruppo o con bambini piccoli. Inoltre, non avrete problemi a trovare società di noleggio, presenti presso ogni aeroporto del Paese.

Ecco quindi tutto quel che c’è da sapere per noleggiare un’automobile in Thailandia!

Perché noleggiare un’auto in Thailandia?

Il noleggio auto in Thailandia è un’avventura da non perdere se desiderate spostarvi sulle quattro ruote e vi piace guidare.

È il sistema perfetto per esplorare il Paese, dalle montagne del nord, fino alle spiagge del sud e alle isole. Non è invece adatto, per esempio, se intendete semplicemente girare per Bangkok!

Con il noleggio di un’auto, poi, potrete spostarvi senza l’incubo dei mezzi di trasporto pubblici e dei biglietti da acquistare.

Non dovrete neanche preoccuparvi degli orari, delle coincidenze e degli immancabili ritardi di autobus e treni thailandesi.

Inoltre, disporre di un’auto a noleggio è una comoda opzione per chi desidera creare un proprio itinerario personalizzato, senza alcun vincolo.

Potrete anche cambiare idea e destinazione all’ultimo momento, e avrete la possibilità di raggiungere mete più lontane e meno accessibili.

Le strade in Thailandia sono in condizioni decisamente buone e non avrete grossi problemi nella guida. La maggior parte delle strade è ben asfaltata e le indicazioni stradali sono precise e tradotte in inglese per i turisti.

Le aziende di autonoleggio non mancano, e molte appartengono ai migliori brand del settore. La qualità è dunque ottima e le tariffe variano in base alle esigenze del viaggiatore e alle caratteristiche del mezzo.

In alternativa, ci sono società thailandesi che comunque offrono uno standard soddisfacente e di qualità intermedia.

In altre parole il noleggio auto è indicato per voi se desiderate avventurarvi nella realtà locale muovendovi in piena libertà.

Potrete così vivere una vacanza ‘on the road’ che promette di essere davvero indimenticabile!

Come si guida in Thailandia

Il consiglio è di cimentarsi nella vacanza su strada solo se si è abili automobilisti perché, come avrete modo di constatare di persona, non è semplice guidare in Thailandia per diversi motivi!

Prima di lanciarsi nella guida in terra thailandese, è bene specificare che il senso di marcia è a sinistra, proprio come nel Regno Unito. Di conseguenza, i sorpassi si compiono verso destra.

Altra regola locale è che quando si svolta verso sinistra a una rotatoria o un raccordo si può proseguire, anche se il semaforo è rosso. Negli altri casi è obbligatorio fermarsi.

A questo proposito, è indispensabile prestare grande attenzione se per voi è la prima volta con la guida in senso contrario perché all’inizio si può avere un po’ di difficoltà ad abituarsi.

Lo stile di guida dei thailandesi

Prima di mettervi al volante in Thailandia dovete sapere che gli abitanti locali hanno un modo proprio di guidare, molto spericolato e incurante delle principali regole del codice della strada.

Nei centri molto grandi come Bangkok vi troverete a combattere con un traffico infernale e dovrete schivare motorini, tuk-tuk e biciclette che sbucano ad ogni angolo di strada!

La situazione è leggermente migliore solo nel nord della Thailandia o nelle zone meno popolose, semplicemente perché il flusso di automobili è minore.

Insomma, è necessario fare estrema attenzione per evitare incidenti di qualsiasi tipo. In ogni caso, evitate di insultare i thailandesi o di litigare apertamente con loro poiché possono essere molto suscettibili e permalosi riguardo al loro modo di guidare.

Età minima per il noleggio auto e validità della patente italiana

Per noleggiare una vettura in Thailandia è obbligatorio aver compiuto 21 anni ed avere conseguito la patente da almeno un anno.

Più in generale, le compagnie permettono l’autonoleggio alle persone con un’età compresa tra i 21 anni compiuti ed i 70.

Per gli over 70 e gli under 21 sono comunque previsti dei costi aggiuntivi per ovviare ai limiti imposti dalla legge.

Per quanto concerne la patente di guida, quella italiana spesso viene accettata in maniera ufficiosa ma, di fatto, non ha alcun valore legale per le autorità thailandesi.

Infatti, se la polizia locale vi dovesse trovare in possesso solo del titolo italiano, riceverete una multa di 400 baht che dovrete pagare al distretto di polizia più vicino.

Qui vi sarà prontamente restituita la patente non valida sequestrata in precedenza.

Quindi, per guidare in Thailandia, dovrete essere in possesso di una patente internazionale, nota come PIG.

Esiste in due tipologie: il modello Ginevra 1949, valido per un anno, e quello Vienna 1968, con validità triennale.

In Thailandia viene accettata solo la patente del modello Ginevra e la scadenza sarà annuale. Per richiedere la patente internazionale è sufficiente recarsi in agenzia automobilistica o presso la motorizzazione civile.

Dovrete compilare il modulo TT746 e portare due fototessere, una fotocopia della patente italiana valida e una marca da bollo di 16 euro.

Sarà meglio precisare che con la patente internazionale non potrete guidare tutti i mezzi di trasporto ma soltanto quello per cui avete la patente in Italia.

Per esempio, se siete in possesso della tradizionale patente B per le automobili, in Thailandia potrete guidare esclusivamente quelle.

Documenti necessari per il noleggio auto

Al momento di noleggiare la vostra automobile dovrete esibire un documento d’identità in corso di validità e la vostra patente internazionale, valida per almeno un anno.

Dovrete fornire una copia della prenotazione se avete svolto l’operazione online, e per portare a termine il pagamento sarà richiesta la carta di credito o di debito intestata al guidatore del veicolo. Bancomat e carte prepagate non sono accettate.

Alcune aziende di noleggio, soprattutto thailandesi, accettano anche i contanti e i bonifici bancari.

Consigli pratici

Se avete deciso di visitare la Thailandia in auto, il consiglio è di seguire pochi ma semplici suggerimenti che vi renderanno la vita più facile e vi salveranno da spiacevoli imprevisti!

Il codice della strada

La prima cosa da considerare sulle strade thailandesi è il rispetto delle norme stradali per non incappare in sanzioni pecuniarie.

Le cinture di sicurezza sono obbligatorie su tutte le strade, così come il casco per moto e motorini.

Invece il livello di alcol nel sangue consentito dalla legge è di 0,05% e farete meglio a rispettarlo poiché le pene per la guida in stato di ebbrezza sono molto severe.

Per quanto riguarda i limiti di velocità imposti, nei centri urbani non potrete superare i 50 km/h mentre in autostrada e sulle strade a scorrimento veloce il limite è compreso tra gli 80 e i 120 km/h.

In caso di contravvenzione vi sarà applicata una multa che parte da un minimo di 500 baht.

Le carte di credito accettate

Il pagamento per il noleggio auto avviene quasi esclusivamente con carta di credito ed è importante assicurarsi che la vostra sia accettata.

Generalmente le carte del circuito Mastercard e Visa sono ben accette da tutte le compagnie di autonoleggio. Al contrario, American Express e Diners Club non possono essere utilizzate ovunque.

Il modello di auto più adatto

Altro elemento da non sottovalutare è il modello di autovettura che più si addice alle vostre esigenze specifiche.

Le società dispongono di moltissime tipologie differenti di mezzi, e avrete soltanto l’imbarazzo della scelta.

Potrete scegliere tra SUV, pick-up, station-wagon, monovolume, utilitarie, minicar, decappottabili e auto di lusso.

Le più gettonate sono i pick-up, le station-wagon e i SUV perché sono più spaziose e vi consentono di inerpicarvi lungo ripide salite e terreni scoscesi.

Naturalmente sono più costose rispetto alle monovolume e alle utilitarie, le più economiche in assoluto.

Le auto lussuose sono idonee per chi viaggia da solo o in coppia e non ha necessità di raggiungere mete in luoghi troppo selvaggi e inesplorati. Certo, il costo è molto più alto e non per tutte le tasche.

Controllare in che condizioni è l’automobile

Prima di stipulare il contratto di autonoleggio, date un’occhiata generale alla macchina e accertatevi che sia effettivamente in buone condizioni. Magari fatevi aiutare da un addetto dello staff per ispezionarla.

Osservate con attenzione che non presenti abrasioni, graffi o danni di altro genere per evitare che vi sia attribuita la colpa di tali difetti alla restituzione dell’auto.

Assicuratevi che le targhe siano ben fissate e visibili e controllate l’integrità di specchietti, fanalini e fari.

Infine, date uno sguardo alle gomme. Queste devono avere la giusta pressione e presentare un’usura uniforme e non troppo evidente.

L’importanza della copertura assicurativa

L’ultimo aspetto da tenere a mente è che l’automobile deve essere coperta da un’assicurazione. Ci sono polizze che offrono diverse opzioni ma è buona norma sceglierne una che sia il più possibile completa.

Infatti, la società di noleggio deve garantirvi una polizza che vi protegga in caso di furto e incendio. Deve essere compresa, però, anche la copertura nell’eventualità d’incidenti stradali e danni imprevisti al veicolo.

Ad ogni modo, siete liberi di non sottoscrivere alcuna assicurazione ma sarà a vostro rischio e pericolo.

In quali destinazioni della Thailandia conviene prendere un’auto a noleggio?

Noleggiare una vettura può rivelarsi comodo per visitare diverse località thailandesi.

Se volete ammirare le bellezze di Bangkok spostandovi con l’auto dovete armarvi di tanta pazienza in quanto il traffico è davvero caotico e vi troverete a guidare in condizioni difficili.

Nella capitale il problema principale è rappresentato dalla difficoltà nel trovare parcheggio, considerando la grande mole di vetture per strada.

In realtà non mancano i parcheggi privati, ma sono quasi tutti a pagamento e non sempre a buon mercato.

Un’opzione per risolvere almeno in parte questa difficoltà è quella di soggiornare in un hotel fornito di parcheggio interno.

Insomma, se potete farne a meno è consigliabile non noleggiare l’auto per muoversi a Bangkok poiché è una metropoli immensa, che può mettere in difficoltà chi non è un abile e prudente guidatore.

Il noleggio auto è molto più indicato per spostarsi verso altre città thailandesi. Con la macchina potete, in particolare, raggiungere il nord della Thailandia e andare alla scoperta di località come Chiang Rai e Chiang Mai.

Affittando un SUV o un pick-up vi potrete arrampicare lungo i sentieri di montagna e le cittadine più remote al confine con il Laos, personalizzando il tour come preferite.

Il noleggio auto è l’ideale anche per esplorare il sud del Paese, specialmente Phuket, Koh Samui e i più noti arcipelaghi nel Mar delle Andamane e nel Golfo della Thailandia.

Con l’automobile non avrete problemi nel visitare le isole più grandi e godere del mare e delle spiagge più belle della Thailandia.

Infatti, su queste isole spesso i mezzi di trasporto locali non sono affidabili e noleggiare una macchina è probabilmente la scelta più sicura.

Il noleggio con conducente

Un buon sistema per semplificarvi la vita è quello di noleggiare un’automobile con conducente, in modo da non essere costretti a guidare in prima persona!

È un’ottima soluzione per vivere una fantastica vacanza spostandosi sulle quattro ruote, ma senza dover sperimentare la guida a sinistra che, per molte persone, può risultare davvero ostica.

In questo senso, esistono dei tour guidati che vi offrono la possibilità di visitare punti di interesse e monumenti thailandesi. Molto interessante è, per esempio il noleggio auto privato per Monkey City che vi costerà circa 117 euro.

L’escursione a Lopburi inizia alle 7 del mattino e dura circa 10 ore. Una volta a destinazione potrete vedere le rovine del Palazzo Nasai e il santuario di San Phra Kan.

Vedrete le famose scimmie che ormai hanno invaso la città e potrete dargli da mangiare. Il prezzo comprende benzina e pedaggi mentre sono esclusi la guida e i biglietti d’ingresso.

Altrettanto conveniente è questo tour a Pattaya con noleggio auto privata o minibus con autista. Il prezzo è di circa 58 euro per gruppi di massimo 3 persone.

Sarete prelevati presso il vostro hotel e riaccompagnati a fine giornata. Potrete scegliere la durata dell’escursione che può essere di 4, 6 oppure 8 ore.

Avrete l’opportunità di pianificare il vostro percorso in modo flessibile e viaggerete in confortevoli van e minibus dotati di aria condizionata, acqua e asciugamani.

Nel tour sono inclusi il carburante e l’assicurazione contro gli infortuni.

Quali compagnie di noleggio si trovano in Thailandia

In Thailandia non avrete difficoltà nel prenotare un’auto a noleggio poiché, come vi abbiamo anticipato, avrete a disposizione molte aziende tra le quali scegliere.

Sul territorio thailandese sono presenti i migliori marchi come Avis, Hertz, Sixt, Chic Car Rent, Europcar, Alamo, Thrifty, Dollar, Budget e National.

Ci sono poi compagnie thailandesi abbastanza affidabili come la Thai Rent A Car, mediamente più economica di altre.

Prezzi del noleggio auto e come risparmiare

Nel valutare la possibilità di prendere un’auto a noleggio è importante tenere conto dei costi da sostenere. In genere il prezzo varia a seconda della compagnia scelta e del modello di vettura.

Infatti, una piccola utilitaria vi costerà circa 700 baht al giorno (circa 21 euro). Quelle più grandi e lussuose possono arrivare a 2.000/3.000 baht giornalieri (60/90 euro circa).

Il calcolo viene sempre effettuato sulle 24 ore e in caso di ritardo nella riconsegna sarà aggiunto un supplemento di spesa.

Le principali società, quali Avis e Hertz, tendono a proporre prezzi standard omologati in tutta la Thailandia.

Per risparmiare qualcosa sui costi del noleggio basterà prendere alcune piccole precauzioni in modo da non spendere soldi inutilmente.

La prima cosa da fare è prenotare la vostra macchina online.

Su Internet potrete confrontare le diverse offerte con tranquillità, indirizzandovi verso quella più conveniente.

Cercare una vettura una volta giunti a destinazione è più complicato e difficilmente riuscirete a spuntare un prezzo più favorevole.

Altro elemento da valutare per risparmiare riguarda il carburante. La condizione più favorevole solitamente è quella pieno/pieno.

La compagnia di noleggio auto vi consegna la macchina con il pieno già fatto e dovrete riconsegnarla con il serbatoio pieno allo stesso livello di partenza.

In questo modo, dovrete pagare solo il rifornimento prima della restituzione, conservando lo scontrino per non incorrere in costi extra.

La politica del carburante comprende anche la variante pieno/vuoto, proposta dalle compagnie per abbassare le tariffe in fase di preventivo.

Se è vero che non dovrete rifornire prima di riconsegnare l’automobile, questa opzione non è consigliabile perché al momento della restituzione vi sarà addebitato il prezzo del pieno in partenza.

Il problema è che diventa molto complicato andare in parità in quanto dovreste calcolare il consumo esatto per riconsegnare la macchina con un contenuto di benzina minimo, visto che sicuramente non sarà rimborsata la quantità avanzata.

Quanto costa il carburante?

Il prezzo per la benzina thailandese è molto più basso rispetto alla maggior parte dei Paesi occidentali.

Un litro di carburante costa in media 1,03 euro, circa 34 baht.

Un elemento da non sottovalutare è il tipo di benzina che alimenta le auto a noleggio.

Attenzione! In Thailandia la classica benzina senza piombo è difficile da trovare e per questo sono più diffuse le vetture a gasolio.

Il gasolio è più economico e ne troverete due tipi differenti, la gasoline 91 e la gasoline 95. Quindi, al momento di noleggiare un’auto, fate attenzione al tipo di rifornimento previsto dal vostro modello.

I distributori e le stazioni di servizio sono dislocati prevalentemente nei centri cittadini e lungo le autostrade e strade statali. Qui potrete pagare sia in contanti, sia con carta di credito.

Evitate però i chioschi improvvisati e poco convenzionali: il rischio è quello di ricevere gasolio scadente e dannoso per il motore.

A proposito dei pedaggi, poi, alcune autostrade possono richiedere un piccolo contributo ma il costo è di pochi baht.

Dove noleggiare l’auto

Il noleggio della vostra auto è relativamente semplice se utilizzate uno dei tanti siti comparativi quali Auto Europe e Rentalcars. Questi garantiscono una vasta gamma di soluzioni differenti e personalizzate per le vostre necessità.

Come già detto, il consiglio è di prenotare tutto online e con un certo anticipo rispetto al viaggio in Thailandia.

Potrete effettuare la prenotazione diverse settimane prima della partenza per trovare maggiore disponibilità di auto e modelli, così come tariffe più basse, soprattutto se viaggerete in alta stagione.

Noleggio auto in aeroporto a Bangkok

Noleggio auto a Bangkok

Nella capitale Bangkok ci sono due scali principali: l’aeroporto Internazionale Suvarnabhumi e l’Aeroporto Don Mueang.

Il primo è più grande e accoglie gran parte del traffico aereo del Paese.

Il secondo, invece, è adibito ai voli nazionali. Entrambi gli scali sono forniti di appositi stand di autonoleggio.

Il noleggio in aeroporto è un sistema molto comodo perché vi basterà prelevare la macchina al vostro arrivo e restituirla al momento di lasciare la Thailandia.

Al Suvarnabhumi avrete la possibilità di prenotare un’auto a noleggio presso le più note aziende quali Avis, Budget, Europcar, Hertz, Sixt, Thai Rent A Car, Bizcar Rental and Chic Car Rent.

Le stesse sono disponibili anche al Don Mueang e i prezzi sono pressoché gli stessi.

Un’alternativa interessante: noleggiare una moto o uno scooter

Noleggio moto in Thailandia
Noleggio moto in Thailandia

Gli appassionati di moto e scooter possono prendere in considerazione l’idea di affittarne uno al posto dell’auto per potersi spostare ancor più velocemente nel traffico.

Certo, è consigliabile se viaggiate da soli o al massimo in coppia. Anche in questo caso prestate attenzione alla guida a sinistra e ai sorpassi.

Il noleggio di una moto è semplice; dovrete recarvi presso uno dei diversi shop e centri autorizzati. In alternativa, ci sono poi numerosi hotel e resort che offrono questo servizio.

Vi saranno richiesti gli stessi documenti necessari per noleggiare un’autovettura, ovvero patente internazionale e documento d’identità.

In alcuni casi vi sarà chiesto il passaporto da consegnare come garanzia. Evitate se potete, e proponete piuttosto di farne una fotocopia.

Il prezzo del servizio può variare a seconda del noleggiatore, ma i prezzi sono meno standardizzati di quelli applicati per il noleggio auto.

Cercate sempre di contrattare; in genere il prezzo oscilla tra 90-120 baht al giorno (meno di 3 o 4 euro) per i modelli più vecchi e fino a 250-400 baht (tra gli 8 e i 12 euro circa) per le moto più lussuose.

Alla stipula del contratto riceverete un casco e in qualche caso anche una catena di sicurezza. Purtroppo, non sono quasi mai incluse polizze assicurative.

Per questo è sempre utile sottoscrivere un’assicurazione in Italia prima di partire per la Thailandia.

La differenza di prezzo può farla soprattutto il modello di moto o scooter. Se non siete esperti centauri potete noleggiare uno scooter da 100 cc di cilindrata.

I 50 cc sono da evitare se siete in due, perché troppo poco potenti.

Sono disponibili anche moto da 200 cc, molto agili e con ottime prestazioni, ma naturalmente costano di più.

Per finire, quando ve lo consegnano date uno sguardo alle condizioni del veicolo, per evitare – alla restituzione – addebiti relativi ad eventuali graffi o ammaccature preesistenti.

Magari scattate qualche foto quando noleggiate la moto o lo scooter, come prova!

Quanto ti è stato utile questo articolo?
[Totale: 0 Media: 0]
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *